Delle angosce e delle pene

corinaldo
Mi sono interrogato a lungo sui risvolti privati e familiari di ciò che è accaduto a #Corinaldo, a maggior ragione perché mio figlio 14enne venerdì è andato alla sua prima festa ai Murazzi (da me accompagnato e recuperato perché volevo rendermi conto della situazione).
L’angoscia di noi genitori di figli adolescenti, compresi gli autori del tragico gesto causa di quanto è accaduto, è giustificata. Penso a quando ero ragazzino, neanche adolescente, e passavo i pomeriggi in giro prima in cortile e poi in bicicletta, estendendo così il mio raggio d’azione. Ho corso rischi, ho messo a repentaglio la mia vita per delle sciocchezze, e ora, da genitore, posso comprendere l’angoscia muta di mia madre, che però mi lasciava andare contando sul mio senso di responsabilità. Lo stesso che conto abbiano i miei figli, in un contesto tuttavia molto cambiato, in cui il controllo sociale non esiste più perché non c’è più il panettiere o l’edicolante che ti saluta quando ti vede e anzi se non ti vede si preoccupa.
L’unica risposta che possiamo dare a tutto ciò è l’educazione, il lento, difficile, conflittuale instillare nei nostri figli la consapevolezza che ogni azione comporta conseguenze.
Dobbiamo insegnare ai nostri ragazzi a prevedere gli effetti delle loro azioni. Non possiamo scegliere al loro posto, ma possiamo e dobbiamo aiutarli a sviluppare il senso critico, l’autonomia decisionale, contando sui nostri insegnamenti e soprattutto il nostro esempio, perché l’esempio quotidiano vale più di mille discorsi teorici.
Dobbiamo aver fiducia in loro e nella loro capacità di distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, e consentire loro di fare errori, perché solo così si rafforza la consapevolezza.
Nulla invece noi genitori possiamo contro l’avidità e la cupidigia di adulti che pur di avere un margine economico enorme “sbigliettano” migliaia di ingressi a locali che possono ospitarne solo qualche centinaio. Se non assumendoci la responsabilità di dire “NO, in quel locale non ci vai”, spiegando loro il perché.
E poi contare sul fatto che nella vita ci vuole anche tanta, tanta fortuna.
Annunci
Categorie: Blog | Tag: , , , | Lascia un commento

Qualcosa di sbagliato

There’s somethin’ wrong with the world today
I don’t know what it is
Something’s wrong with our eyes
(Aerosmith – Living On The Edge)

Categorie: 1 | Lascia un commento

Infamy Day

Se non fosse drammaticamente vero ci sarebbe da sommergerli con il riso.

Enormi container di Carnaroli.


#infamyday #familyday

Categorie: Blog | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

Hipsteria

Tu, giovane hipster drastico che curi maniacalmente la tua lunga e folta barba, che pulisci le lenti dei tuoi occhiali scuri, che calzi la coppola estiva di cotone come fosse il basco dei rivoluzionari cubani… tu, proprio tu… FATTI FURBO: i Dr Martens neri a fine luglio NO! I tuoi piedi ringraziano.

Categorie: 1 | Lascia un commento

Guardatevi allo specchio

Ho già espresso la mia grandissima stima e ammirazione per Samantha Cristoforetti​ qui e altrove per i motivi che mi paiono talmente evidenti da non necessitare di altre parole (https://it.wikipedia.org/wiki/Samantha_Cristoforetti). Purtroppo però gli attacchi che sta subendo dopo essere stata nominata Dama di Gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana non mi stupiscono, soprattutto perché arrivano da cittadini di un Paese che ha permesso a Silvio Berlusconi di governare per 20 anni.
E aggiungo che vorrei che guadagnasse tanto quanto merita un comandante dell’aeronautica con 2 lauree. Che parla anche il francese, l’inglese, il tedesco e il russo Che ha le caratteristiche fisiche, mentali ed intellettuali necessarie ad essere selezionata tra 8500 candidati ad andare sulla ISS. Che ha saputo usare i social media come nessun astronauta prima di lei raccontando al mondo cosa vuol dire prepararsi, vivere, nutrirsi, condurre esperimenti scientifici a 400 chilometri di altitudine dalla Terra.
Guardatevi allo specchio e vergognatevi.

Categorie: Blog | Tag: , , | 1 commento

È arrivato il momento

Quando vai dal tuo assicuratore che ti chiama per nome e ti dà del tu e, dopo aver versato l’obolo, ti senti dire: “Hai mai pensato di tutelare la tua famiglia in caso di premorienza?” senti per la prima volta questa parola e soprattutto capisci che si riferisce a te… Ecco, forse è arrivato il momento di passare alle assicurazioni on line!

Categorie: 1 | Tag: , , | Lascia un commento

Tu chiamale se vuoi emozioni

Le elementari sono finite, ora bisogna crescere, e lo farai come sempre con tranquillità, senza patemi, coi tuoi tempi, i tuoi pochi ma giusti passi indietro tra tanti passi avanti.
Ma oggi non hai retto l’emozione, il groppo in gola è diventato commozione che si è trasformata in pianto. Piangi figlio mio, non aver paura delle tue emozioni, e diffida di chi si mostra sempre freddo e controllato.
E adesso vieni qui che ho bisogno di un abbraccio!

Categorie: Blog | Tag: , , , | Lascia un commento

Persone da evitare

La vita è troppo breve e il mondo è troppo pieno di belle persone per frequentare chi non mi merita, cazzo!

Categorie: Blog | Tag: | Lascia un commento

Professori e Black Bloc

A Milano c’erano trentamila professori così incazzati che i black bloc si sono riparati nelle banche per la paura!”

Categorie: Blog | Tag: , | Lascia un commento

Jar Jar Binks: perché?

“Il fatto è che Jar Jar Binks non è affatto un personaggio divertente, e inserirlo praticamente in ogni scena lo ha reso ancora più odioso (tant’è che compare praticamente solo nella Minaccia Fantasma, il primo dei prequel). Jar Jar gironzola fastidiosamente fra due personaggi che stanno parlando fra loro, inciampa in una cacca, fa cose goffe: insomma, si comporta come il “comic relief” più sciatto della storia. E non ottiene mai un momento di riscatto. Non dimostra mai di avere coraggio, o anche solo una intuizione felice: combina solo cazzate per tutta la durata del film.”

Jar Jar Binks must die

http://www.ilpost.it/2015/05/04/prequel-star-wars/

Categorie: Blog | Tag: , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

a-social-media-something

Riflessioni sulle innovazioni digitali e sugli usi sociali dei media

esetidicessiche

bene o male purché se ne parli!

staiserenaserenella

figli, lavoro, casa, paturnie, pensieri, società... manca qualcosa?

Associazione LiberoLibro Macherio

Ripartire per ricostruire

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Dammi un cinque

Dammi un cinque

quattropersone

Legame di sangue significa famiglia?

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

speaker's corner

il blog di hamilton santià

La settima arte

Guardare le immagini è fonte di piacere perché coloro che le contemplano imparano e ragionano su ogni punto

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

GLENDA's Blog

Le nubi passeranno è PRIMAVERA

(Il pesce di Erwin)

In fondo la fisica non è difficile, è solo complessa.

paolink73

This blog is about this blog.

Il Re Del Niente

E in mezzo a questo mare cercherò di scoprire quale stella sei… perché io morirei se dovessi scoprire che stanotte non ci sei…

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: